Uscita didattica di sopravvivenza in Outdoor (10 dicembre)

Quando si fa un’escursione con lo zaino in spalla ci vuole un bagaglio fatto di “sapere” che ci permetta di alleggerire un pochino le nostre paure e le nostre incertezze, che ci dia la consapevolezza di ciò che l’uomo rappresenta all’interno dell’ambiente naturale.

Ci vuole silenzio. Ci vuole rispetto. Perché all’interno di un bosco siamo noi il vero elemento di disturbo.

Con queste idee ci siamo messi alla prova, sperimentando nuove e costruttive sfide personali ma nella dimensione di un gruppo in cui noi tutti, nessuno escluso, abbiamo dato il nostro contributo. Abbiamo imparato ad accendere un fuoco, a steccare una caviglia, a costruire un riparo di fortuna. Abbiamo visto l’impronta di un lupo e soprattutto abbiamo capito che tra noi e lui, è proprio il lupo che deve aver paura o sentirsi in pericolo. Non noi sicuramente. Abbiamo imparato che una manciata di terra umida può essere più pulita di uno schiumoso e profumato bagnoschiuma.

A volte è sufficiente cambiare punto di vista ed immergersi totalmente, anima e corpo, in un bosco per capire il valore che hanno gli ambienti naturali, l’importanza della diversità, l’idea che mescolare emozioni, suoni, sapori, sensazioni ed immagini sia la forma migliore per capire che siamo tutti uguali ma tutti differenti. Serve un prato in cui non cadere, un ruscello da attraversare, una salita da affrontare per un magnifico paesaggio da vedere!

Tutto questo e molto altro ancora è quello che abbiamo messo nel nostro bagaglio facendo rientro a casa, dopo aver vissuto una magnifica avventura con Davide e Laura dell’Associazione Pachamama presso Rocchetta Tanaro.

I ragazzi delle classi prime della scuola “E. Fermi” di Brusasco

 

A breve le nostre foto

CORSA CAMPESTRE

Giovedì 7 novembre si è svolta la quarta edizione cor giovedì 7 novembre si è svolta la quarta edizione corsa campestre, valevole come fase d’istituto dei Campionati studenteschi 2019/20 e che rappresenta un appuntamento importante per la scuola. Sfidando l’incognita del tempo, tra le nuvole ed il primo freddo, i 78 alunni rappresentativi della scuola media di Brusasco e di Casalborgone hanno affrontato con coraggio, determinazione e grande entusiasmo la gara. Il campo gara prevedeva un percorso  accessibile a tutti su diverse superfici (cemento, erba e ghiaia) in cui i ragazzi hanno potuto sfidare se stessi e gli altri in stretto contatto con la natura, superando tratti fangosi, salite, discese, buche  ed ostacoli naturali. La corsa campestre è un’esperienza educativa importantissima che spinge gli allievi a sopportare e gestire la fatica fisica e mentale.

I ragazzi preparati e selezionati dalle insegnanti Cacciacarne Antonella e Lucy Germolè disputeranno la fase distrettuale il 27 novembre a Volpiano.

Presente alla premiazione anche la Dirigente Scolastica che insieme agli insegnanti e a tutti coloro che hanno collaborato ha premiato i primi tre classificati congratulandosi con tutti i partecipanti.

 

 

vedi FOTO

IO LEGGO PERCHE’

 

“Quando penso a tutti i libri che mi restano ancora da leggere, ho la certezza di essere ancora felice” (Jules Redard)

Tutti i docenti e gli alunni della Scuola secondaria di I grado “E. Fermi” di Brusasco ringraziano i genitori, i parenti, gli amici e tutti i cittadini che nella settimana del progetto #ioleggoperché hanno contribuito all’iniziativa, donando molti splendidi volumi. Un grande successo per la Nostra scuola: sono stati regalati 68 libri ed altri ne arriveranno in primavera, offerti dalle case editrici italiane, che andranno ad arricchire la Nostra biblioteca scolastica.

GRAZIE, GRAZIE  e ancora GRAZIE!

I Venerdì per l’Orientamento dell’I.C. Brusasco

Quest’anno la scuola secondaria di secondo grado organizza i “Venerdì dell’Orientamento”, una serie di incontri pomeridiani con docenti e studenti delle scuole superiori del territorio che coinvolgeranno le medie di Brusasco e di Casalborgone.

Gli incontri sono rivolti in primis ai ragazzi delle classi terze e seconde (e, perché no, anche qualche curioso delle prime sarà ben accetto!) e lo scopo è di coinvolgere il maggior numero di alunni e famiglie, nell’ottica di una didattica orientativa, processo lungo e continuo che si inserisce in tutto il percorso formativo. Orientare, infatti, non significa soltanto mettere in grado gli studenti di scegliere la scuola successiva o, al termine degli studi, lo sbocco lavorativo più adatto alle proprie capacità e ai propri interessi: ci siamo presi l’impegno di aiutare i ragazzi a conoscere se stessi, a far sì che comprendano il mondo che li circonda e la società in cui vivono, per tracciare in modo autonomo e consapevole il proprio percorso di vita.

Siete quindi tutti invitati – genitori e alunni – a cogliere l’occasione per partecipare agli incontri con i docenti e gli studenti delle scuole superiori che saranno disponibili non solo a illustrare i diversi istituti scolastici e a fornire informazioni circa orari, discipline e possibili sbocchi professionali e di studio… Infatti, alcune scuole offrono la possibilità di accogliere, previo appuntamento, gli alunni delle medie, per far vivere loro, per un giorno, la vita dei più “grandi”: dalla scelta del mezzo di trasporto e del percorso che li condurrà fisicamente a scuola, fino al suono della campanella che segna la fine delle lezioni.

Nella sezione “Orientamento” troverete l’elenco degli appuntamenti del Venerdì con indicazione di orario, sedi e scuole interessate all’evento. Intanto, si segnala anche il salone per l’Orientamento a Chivasso, che avrà luogo sabato 23 novembre, al “Palalancia”, a partire dalle ore 9,00 alle ore 13,00.