Un sentiero di gentilezza (seconda puntata)

Un’altra tappa è stata raggiunta sul Sentiero della gentilezza, il bel percorso che la classe quinta sta intraprendendo attraverso l’analisi del romanzo Wonder e attività ad esso correlate. Diverse discipline sono coinvolte come Arte e immagine che, con un divertente lavoro intitolato: Mostri di gentilezza, ha accompagnato i bambini a giocare, con ironia, tra propositi e impegno.

.E’ iniziata la  raccolta di aforismi, attraverso una ricerca sul WEB e su libri, che verrà esposta negli ambienti scolastici per ricordarci che la gentilezza apre le porte e deve essere sempre compagna di strada.

A presto una nuova puntata di: Un sentiero di gentilezza.

Piccolo laboratorio scientifico

La classe seconda ha sperimentato il concetto di riproduzione usando una succulenta. I polloni sono stati escissi e invasati in apposito terriccio.

 

.

 

Il focus  è stato puntato quindi sulla riproduzione e sulla cura di queste piccole piantine che a giugno si riuniranno “in famiglia” per controllarne la crescita e la salute.

Bravissimi piccoli scienziati, piccoli botanici!

 

 

 

Un sentiero di gentilezza (prima puntata)

La classe quinta sta costruendo un “sentiero di gentilezza”, un cammino didattico trasversale, iniziato durante l’estate con la lettura individuale del romanzo Wonder di R.J.Palacio che si svilupperà, per tappe, lungo l’intero anno scolastico. Il primo traguardo è stato raggiunto grazie alla discussione condivisa sulle frasi toccanti, a tema gentilezza, estrapolate dal testo che, insieme alle considerazioni personali, hanno costituito un manifesto di buoni propositi e la consapevolezza di quanto sia importante “innaffiare” le relazioni interpersonali  di gentilezza e comprensione : “Siate gentili perché tutti combattiamo una battaglia dura.” (Wonder)

Sarete aggiornati, durante la seconda puntata di Un sentiero di gentilezza, sulle tappe successive del cammino.

Ciao estate!

I bambini di classe quinta salutano l’estate con un lapbook geografico sulle loro vacanze. Viaggiando con i recenti ricordi tra le regioni d’Italia, le bellissime isole, hanno ripercorso i loro itinerari estivi e inserito nel libricino, costruito con pazienza, un po’ di sabbia marina, qualche conchiglia, un sassolino di lago… un po’ di nostalgia.

 

 

Una carrellata dei lavori e qualche piccolo ricordo da custodire.

La classe prima

Oggi la pagina è interamente dedicata ai “piccolini” che, emozionatissimi, hanno affrontato il primo giorno di scuola. Al loro ingresso hanno trovato il benvenuto caloroso delle insegnanti, dei compagni più grandi e tante colorate attività da inserire nella “scatola dell’accoglienza” per custodirle a ricordo di un giorno memorabile.Non è mancata la lettura ad alta voce che tanto appassiona i bambini.

Sono stati sereni e molto attenti, felici di far parte della scuola “dei grandi” dove si imparano tante cose nuove.

 

Eccoli! Pronti per uscire carichi dei loro tesori. A domani cuccioli!

 

 

Benvenuti anche da parte dell’Amministrazione Comunale che ha salutato gli alunni di tutte le classi come di consueto.

Piano Estate: terzo giorno, parole d’ordine: sport e giardinaggio

Ultimo giorno di questa emozionante “trilogia” di avventure. La giornata si è aperta con attività sportive guidate dal maestro di Judo Alessandro di Gianni e tanto divertimento. Questa disciplina aiuta i bambini a controllare l’ aggressività e infonde fiducia nelle proprie capacità.

Si sono svolti compiti di realtà e compiti autentici in piccolo gruppo dove i bambini del secondo ciclo, accompagnati dai più piccini, hanno potuto sperimentare la coltura di piante aromatiche curandone la piantumazione. Queste operazioni di didattica della scuola “del fare” hanno avuto un approccio di tipo laboratoriale, sia dal punto di vista scientifico che logico-matematico: osservazione e conoscenza delle piante aromatiche e del loro uso in ambito culinario, estetico e curativo (cogliendo anche spunto dalla tradizione contadina del territorio); riconoscimento delle stesse in base agli aromi;  creazione di un terriccio fertile mescolando diverse sostanze tra loro e realizzazione del  giusto drenaggio idrico usando l’argilla espansa; calcolo dell’area delle fioriere e della distanza necessaria alla crescita delle piantine per la loro messa a dimora; distribuzione equa dell’argilla espansa e del terriccio. Tutto svolto in modo giocoso e con partecipazione attiva.

Le fioriere ospiteranno un piccolo “orto sociale”, destinato a crescere, al quale le cuoche della mensa scolastica e le famiglie potranno attingere liberamente.

Le insegnanti e il personale scolastico sono felici di aprire l’anno con questa bellissima “primizia” di esperienze.

Si ringrazia il cantoniere Ettore per la sua costante collaborazione, data sempre con un sorriso, tutto il personale della scuola e le animatrici per il loro prezioso supporto e reportage fotografico. A presto!

Le insegnanti

Clicca qui per visualizzare le foto del Piano Estate