AVVISO esiti anno scolastico 2019/2020

Si comunica che tutti gli alunni sono stati ammessi alla classe successiva

Il giorno 18/06/2020 dalle 17,00 alle 19,00 gli insegnanti vi aspettano per salutarVi e consegnarVi schede di valutazione e materiale didattico rimasto a scuola.
Nel rispetto delle norme di sicurezza prescritte le classi: 1°, 2°, 4° sono attese in punti diversi dislocati sul piazzale della chiesa, invece, la classe 3° davanti all’ingresso del teatro e la 5° nello spazio innanzi all’uscita di sicurezza dello stesso.

A presto

Noi creativi come Cragg

Buongiorno a tutti,
in questo periodo di assenza della scuola, di preoccupazione per il futuro è ancor più importante mantenere attiva la creatività.
Con essa riusciamo ad utilizzare strumenti che già abbiamo in modo insolito, creativo, per dar vita a qualcosa di nuovo che può avere solo un valore estetico come il nostro tappeto, ma può porre le basi per un atteggiamento che porti alla capacità di intuire soluzioni ad un problema importante per la collettività.
Noi ci siamo ispirati a Tony Cragg e alle sue opere realizzate con il riuso di materiale di scarto, trovato in casa o nelle discariche per creare dei tappeti molto belli.

Come vedrete cliccando il link alcuni possono essere proprio utilizzati per riposarsi, altri un po’ meno…ma tutti belli.
Prossimamente, per la fine della scuola, tutti i bambini, di tutte le classi, realizzeranno, sempre con materiale che hanno a casa, qualcos’altro…

Cliccate sulla parola tappeto scritta in rosso

Per non dimenticare

Anche quest’anno nella nostra scuola sono state molteplici le attività per riflettere sull’orrore delle persecuzioni razziali non solo per onorare la memoria dei tanti martiri, ma per far sì che non succeda mai più.
Abbiamo raccolto la testimonianza di chi, di origine ebrea, ancora bambino ha vissuto con costante pericolo quel periodo: grazie al pittore Giampiero Levi Capello.
Ecco come i bambini hanno descritto l’esperienza


I ragazzi di quinta hanno messo in scena uno spettacolo in cui si sono viste le ragioni dei nazisti e delle loro vittime al confronto.
Uno spettacolo minimalista in cui alle semplici calzamaglie scure corrispondevano profondità di pensiero ed forti emozioni.