27 Gennaio: Giorno della Memoria

Oggi in tutto il mondo si celebra il GIORNO DELLA MEMORIA così descritto:               

«La Repubblica italiana riconosce il giorno 27 gennaio, data dell’abbattimento dei cancelli di Auschwitz, “Giorno della Memoria”, al fine di:                                                – ricordare la Shoah (sterminio del popolo ebraico),                                                          – le leggi razziali,                                                                                                                 – la persecuzione italiana dei cittadini ebrei,                                                                      – gli italiani che hanno subìto la deportazione, la prigionia, la morte,                                  – nonché coloro che, anche in campi e schieramenti diversi, si sono opposti al progetto di sterminio, ed a rischio della propria vita hanno salvato altre vite e protetto i perseguitati.

In occasione del “Giorno della Memoria”, sono organizzati cerimonie, iniziative, incontri e momenti comuni di narrazione dei fatti e di riflessione, in modo particolare nelle scuole di ogni ordine e grado, su quanto è accaduto al popolo ebraico e ai deportati militari e politici italiani nei campi nazisti, in modo da conservare nel futuro dell’Italia la memoria di un tragico ed oscuro periodo della storia nel nostro Paese e in Europa, e affinché simili eventi non possano mai più accadere.»

E quindi anche noi, alunni della Scuola Primaria, eredi di una memoria che ha varcato i confini di ogni nazione, ogni territorio, ogni colore e religione, abbiamo dedicato questi giorni al ricordo di un periodo così oscuro della storia umanaNaturalmente abbiamo riflettuto e discusso in modo diverso e con lo sguardo rivolto soprattutto al futuro, un futuro di speranza e di rispetto, affinchè non debba più avere luogo una simile ideologia di sterminio.

Ringraziamo anche l’Amministrazione Comunale che ci ha fatto dono di un libro sulla Shoah, consegnato dall’assessore T. Patella agli alunni delle classi 4 e 5 e riportante una dedica del Sindaco Castelli.

Nelle varie classi sono stati letti libri, testimonianze, documenti e visionati film…ogni attività è stata calata a misura della classe. Si è poi pensato di dare vita ad un TRENO che potesse in qualche modo ricordare i vagoni nei quali erano deportati i prigionieri verso i campi di concentramento e sterminio, ma che per noi potesse rappresentare un viaggio di speranza, di fiducia nel futuro, verso la libertà di pensare e di esprimersi, il rispetto verso tutti.

Ogni vagone riporta un pezzetto del percorso fatto e dei lavori realizzati…ogni classe, rappresentata da qualche compagno,  ha esposto un piccolo pensiero del tema affrontato…E’ stato questo il nostro modo di ricordare e condividere questo giorno così importante.

 

Qui alcuni momenti   e  Altri ancora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.